Giobbe capitolo 20

 

 

 

Diodati

Riveduta

Nuova Riveduta

Nuova Diodati

 

 

 

 

20:1 E SOFAR Naamatita rispose, e disse:  

20:1 Allora Tsofar di Naama rispose e disse:

20:1 Allora Zofar di Naama rispose e disse: 

20:1 Allora Zofar di Naamath rispose e disse:

20:2 Perciò i miei pensamenti m'incitano a rispondere, E perciò questa mia fretta è in me.  

20:2 Quel che tu dici mi spinge a risponderti e ne suscita in me il fervido impulso.

20:2 «Per questo i miei pensieri mi spingono a risponderti e, a causa di ciò, c'è questa fretta dentro di me. 

20:2 «Per questo i miei pensieri mi spingono a rispondere, a motivo dell'agitazione che sento dentro di me.

20:3 Io ho udita la mia vituperosa riprensione; Ma lo spirito mio mi spinge a rispondere del mio intendimento.  

20:3 Ho udito rimproveri che mi fanno oltraggio; ma lo spirito mio mi darà una risposta assennata.

20:3 Ho udito rimproveri che mi fanno oltraggio; ma lo spirito mio darà una risposta assennata. 

20:3 Ho udito un rimprovero che mi disonora, ma il mio spirito mi spinge a rispondere in base al mio intendimento.

20:4 Non sai tu questo, che è stato d'ogni tempo, Da che l'uomo fu posto sopra la terra;  

20:4 Non lo sai tu che in ogni tempo, da che l’uomo è stato posto sulla terra,

20:4 Non lo sai tu che in ogni tempo, da che l'uomo è stato posto sulla terra, 

20:4 Non sai tu che da sempre, da quando l'uomo fu posto sulla terra,

20:5 Che il trionfo degli empi è di breve durata, E che la letizia dell'ipocrita è sol per un momento?  

20:5 il trionfo de’ malvagi è breve, e la gioia degli empi non dura che un istante?

20:5 il trionfo dei malvagi è breve; la gioia degli empi non dura che un istante? 

20:5 il trionfo dei malvagi dura poco e la gioia degli empi non dura che un istante?

20:6 Avvegnachè la sua altezza salisse fino al cielo, E il suo capo giungesse infino alle nuvole;  

20:6 Quando la sua altezza giungesse fino al cielo ed il suo capo toccasse le nubi,

20:6 Anche se la sua altezza giungesse fino al cielo, il suo capo toccasse le nubi, 

20:6 Anche se la sua grandezza giungesse fino al cielo e il suo capo toccasse le nubi,

20:7 Pur perirà egli in perpetuo, come lo sterco suo; Quelli che l'avranno veduto, diranno: Ove è egli?  

20:7 l’empio perirà per sempre come lo sterco suo; quelli che lo vedevano diranno: ‘Dov’è?’

20:7 l'empio perirà per sempre come lo sterco suo; quelli che lo vedevano diranno: "Dov'è?". 

20:7 perirà per sempre come il suo sterco; quelli che l'hanno visto diranno: "Dov'è?".

20:8 Egli se ne volerà via come un sogno, e non sarà più ritrovato, E si dileguerà come una visione notturna.  

20:8 Se ne volerà via come un sogno, e non si troverà più; dileguerà come una visione notturna.

20:8 Se ne volerà via come un sogno, non si troverà più; si dileguerà come una visione notturna. 

20:8 Volerà via come un sogno e non si troverà più; si dileguerà come una visione notturna.

20:9 L'occhio che l'avrà veduto nol vedrà più, E il suo luogo nol mirerà più.  

20:9 L’occhio che lo guardava, cesserà di vederlo, e la sua dimora più non lo scorgerà.

20:9 L'occhio che lo guardava cesserà di vederlo e la sua casa più non lo scorgerà. 

20:9 L'occhio che lo guardava, non lo scorgerà più; anche la sua dimora non lo vedrà più.

20:10 I suoi figliuoli procacceranno il favor de' poveri, E le sue mani restituiranno quel ch'egli avrà rapito per violenza.  

20:10 I suoi figli si raccomanderanno ai poveri, e le sue mani restituiranno la sua ricchezza.

20:10 I suoi figli si raccomanderanno ai poveri, le sue mani restituiranno la sua ricchezza. 

20:10 I suoi figli cercheranno di guadagnarsi il favore dei poveri e le sue mani ristabiliranno la sua ricchezza.

20:11 Le sue ossa saranno ripiene degli eccessi della sua gioventù, I quali giaceranno con lui in su la polvere.  

20:11 Il vigor giovanile che gli riempiva l’ossa giacerà nella polvere con lui.

20:11 Il vigore giovanile che gli riempiva le ossa sarà nella polvere con lui. 

20:11 Il vigore giovanile che gli riempiva le ossa giacerà nella polvere con lui.

20:12 Se il male gli è stato dolce nella bocca, Se egli l'ha nascosto sotto la sua lingua;  

20:12 Il male è dolce alla sua bocca, se lo nasconde sotto la lingua,

20:12 Il male è dolce alla sua bocca, se lo nasconde sotto la lingua, 

20:12 Anche se il male è dolce nella sua bocca, se lo nasconde sotto la lingua,

20:13 Se l'ha riserbato, e non l'ha gittato fuori; Anzi l'ha ritenuto in mezzo del suo palato;  

20:13 lo risparmia, non lo lascia andar giù, lo trattiene sotto al suo palato:

20:13 lo conserva, non lo lascia andar giù, lo trattiene sotto al suo palato: 

20:13 non tollera di lasciarlo andare ma continua a tenerlo in bocca.

20:14 Il suo cibo gli si cangerà nelle sue viscere, E diverrà veleno d'aspido nelle sue interiora.  

20:14 ma il cibo gli si trasforma nelle viscere, e gli diventa in corpo veleno d’aspide.

20:14 ma il cibo gli si trasforma nelle viscere, gli diventa in corpo veleno d'aspide. 

20:14 Il suo cibo però nelle sue viscere si trasforma e diventa un veleno di aspide dentro di lui.

20:15 Egli avrà trangugiate le ricchezze, ma egli le vomiterà; Iddio gliele caccerà fuor del ventre.  

20:15 Ha trangugiato ricchezze e le vomiterà; Iddio stesso gliele ricaccerà dal ventre.

20:15 Ha trangugiato ricchezze e le vomiterà; Dio stesso gliele ricaccerà dal ventre. 

20:15 Egli vomiterà le ricchezze che ha inghiottito; Dio stesso gliele farà uscire dal ventre.

20:16 Egli avrà succiato il veleno dell'aspido, La lingua della vipera l'ucciderà.  

20:16 Ha succhiato veleno d’aspide, la lingua della vipera l’ucciderà.

20:16 Ha succhiato veleno d'aspide, la lingua della vipera l'ucciderà. 

20:16 Ha succhiato veleno di aspide, la lingua di una vipera lo ucciderà.

20:17 Egli non vedrà i ruscelli, I fiumi, i torrenti del miele e del burro.  

20:17 Non godrà più la vista d’acque perenni, né di rivi fluenti di miele e di latte.

20:17 Non godrà più la vista d'acque perenni, né di rivi fluenti di miele e di latte. 

20:17 Non vedrà più corsi d'acqua torrenti che scorrono con miele e burro.

20:18 Egli renderà ciò che con fatica avrà acquistato, e non l'inghiottirà; Pari alla potenza sua sarà il suo mutamento, e non ne goderà.  

20:18 Renderà il frutto delle sue fatiche, senza poterlo ingoiare. Pari alla sua ricchezza sarà la restituzione che ne dovrà fare, e così non godrà dei suoi beni.

20:18 Renderà i suoi frutti, e non li mangerà; saranno pari alla ricchezza dei suoi guadagni, e non ne godrà. 

20:18 Restituirà ciò per cui ha faticato senza neppure ingoiarlo; non avrà alcuna gioia dai profitti del suo commercio.

20:19 Perciocchè egli ha oppressato altrui, egli lascerà dietro a sè de' bisognosi; Perciocchè egli ha rapita la casa altrui, egli non edificherà la sua.  

20:19 Perché ha oppresso e abbandonato il povero, s’è impadronito di case che non avea costruite;

20:19 Perché ha oppresso e abbandonato il povero, si è impadronito di case che non aveva costruite; 

20:19 Poiché ha oppresso e abbandonato il povero, si è impadronito con la forza di una casa che non aveva costruito.

20:20 Perciocchè egli non ha mai sentito riposo nel suo ventre, Non potrà salvar nulla delle sue più care cose.  

20:20 perché la sua ingordigia non conobbe requie, egli non salverà nulla di ciò che ha tanto bramato.

20:20 perché la sua ingordigia non conobbe limiti, egli non salverà nulla di ciò che ha tanto desiderato. 

20:20 Poiché la sua ingordigia non ha mai conosciuto requie, egli non salverà nulla delle cose tanto desiderate.

20:21 Nulla gli rimarrà da mangiare, E però egli non avrà più speranza ne' suoi beni.  

20:21 La sua voracità non risparmiava nulla, perciò il suo benessere non durerà.

20:21 La sua voracità non risparmiava nulla, perciò il suo benessere non durerà. 

20:21 Nulla sfuggirà alla sua voracità, perciò il suo benessere non durerà.

20:22 Quando egli sarà ripieno a sufficienza, allora sarà distretto; Tutte le mani de' miseri gli verranno contra.  

20:22 Nel colmo dell’abbondanza, si troverà in penuria; la mano di chiunque ebbe a soffrir tormenti si leverà contro lui.

20:22 Nel colmo dell'abbondanza, si troverà in miseria; la mano di chiunque ebbe a soffrir tormenti si alzerà contro di lui. 

20:22 Nel colmo della sua abbondanza si troverà in strettezze; la mano di tutti quelli che soffrono si leverà contro di lui.

20:23 Quando egli sarà per empiersi il ventre, Iddio gli manderà addosso l'ardore della sua ira, E la farà piovere sopra lui, e sopra il suo cibo.  

20:23 Quando starà per riempirsi il ventre, ecco Iddio manderà contro a lui l’ardor della sua ira; gliela farà piovere addosso per servirgli di cibo.

20:23 Quando starà per riempirsi il ventre, Dio manderà contro di lui la sua ira ardente; gliela farà piovere addosso per servirgli da cibo. 

20:23 Quando starà per riempire il suo ventre, Dio manderà su di lui l'ardore della sua ira, che pioverà su di lui mentre sta mangiando.

20:24 Quando egli fuggirà dalle armi di ferro, Un arco di rame lo trafiggerà.  

20:24 Se scampa alle armi di ferro, lo trafigge l’arco di rame.

20:24 Se scampa alle armi di ferro, lo trafigge l'arco di bronzo. 

20:24 Egli può sfuggire a un'arma di ferro, ma lo trafiggerà un arco di bronzo.

20:25 Come prima la saetta sarà tratta fuori, La punta gli passerà per mezzo il fiele, Dopo esser uscita del suo turcasso; Spaventi gli saranno addosso.  

20:25 Si strappa il dardo, esso gli esce dal corpo, la punta sfolgorante gli vien fuori dal fiele, lo assalgono i terrori della morte.

20:25 Si strappa la freccia, essa gli esce dal corpo, la punta sfolgorante gli viene fuori dal fiele, lo assalgono i terrori della morte. 

20:25 Si estrae la freccia che esce dal suo corpo, la scintillante punta esce fuori dal suo fiele; i terrori lo assalgono.

20:26 Tutte le tenebre saran nascoste ne' suoi nascondimenti; Un fuoco non soffiato lo divorerà; Chi sopravviverà nel suo tabernacolo, capiterà male.  

20:26 Buio profondo è riservato a’ suoi tesori; lo consumerà un fuoco non attizzato dall’uomo, che divorerà quel che resta nella sua tenda.

20:26 Buio profondo è riservato ai suoi tesori; lo consumerà un fuoco non attizzato dall'uomo, che divorerà quel che resta nella sua tenda. 

20:26 Tenebre totali sono riservate per i suoi tesori; lo consumerà un fuoco non attizzato; quelli lasciati nella sua tenda saranno in angoscia.

20:27 I cieli scopriranno la sua iniquità, E la terra si leverà contro a lui.  

20:27 Il cielo rivelerà la sua iniquità, e la terra insorgerà contro di lui.

20:27 Il cielo rivelerà la sua iniquità, la terra insorgerà contro di lui. 

20:27 Il cielo rivelerà la sua iniquità e la terra insorgerà contro di lui.

20:28 La rendita della sua casa sarà trasportata ad altri; Ogni cosa sua scorrerà via, nel giorno dell'ira di esso,  

20:28 Le rendite della sua casa se n’andranno, portate via nel giorno dell’ira di Dio.

20:28 Le rendite della sua casa se ne andranno, portate via nel giorno dell'ira di Dio. 

20:28 Le rendite della sua casa saranno rimosse, portate via nel giorno della sua ira.

20:29 Questa è la parte assegnata da Dio all'uomo empio, E l'eredità ch'egli riceve da Dio per le sue parole.  

20:29 Tale la parte che Dio riserba all’empio, tale il retaggio che Dio gli destina.

20:29 Tale la parte che Dio riserva all'empio, tale l'eredità che Dio gli destina». 

20:29 Questa è la sorte che DIO riserva all'uomo malvagio, l'eredità che gli è assegnata da Dio».

 

 

 

 

Indice