Salmo 16

 

 

 

Diodati

Riveduta

Nuova Riveduta

Nuova Diodati

 

 

 

 

16:1 <<Orazione di Davide.>> GUARDAMI, o Dio; perciocchè io mi confido in te.

Inno di Davide.

16:1 Preservami, o Dio, perché io confido in te.

16:1 Inno di Davide. Proteggimi, o Dio, perché io confido in te.

16:1 <<Inno di Davide.>> Proteggimi, o Dio, perché io mi rifugio in te.

16:2 Io ho detto all'Eterno: Tu sei il mio Signore; Io non ho bene all'infuori di te.

16:2 Io ho detto all’Eterno: Tu sei il mio Signore; io non ho bene all’infuori di te;

16:2 Ho detto a Dio: «Tu sei il mio Signore; non ho bene alcuno all'infuori di te;

16:2 Ho detto all'Eterno: «Tu sei il mio Signore; non ho alcun bene all'infuori di te».

16:3 Tutta la mia affezione è inverso i santi che sono in terra, E inverso gli uomini onorati.

16:3 e quanto ai santi che sono in terra essi sono la gente onorata in cui ripongo tutta la mia affezione.

16:3 quanto ai santi che son sulla terra, essi sono la gente onorata in cui ripongo tutto il mio affetto.

16:3 Tutta la mia affezione è riposta negli uomini santi ed onorevoli che sono sulla terra.

16:4 I tormenti di coloro che corrono dietro ad altri dii, saran moltiplicati; Io non farò le loro offerte da spandere, che son di sangue; E non mi recherò nelle labbra i nomi loro.

16:4 I dolori di quelli che corron dietro ad altri dii saran moltiplicati; io non offrirò le loro libazioni di sangue, né le mie labbra proferiranno i loro nomi.

16:4 I dolori di quelli che corrono dietro ad altri dèi saran moltiplicati; io non offrirò le loro libazioni di sangue, né le mie labbra proferiranno i loro nomi.

16:4 I dolori di quelli che corrono dietro ad altri dèi saranno moltiplicati; io non verserò le loro libazioni di sangue e non pronuncerò con le mie labbra i loro nomi.

16:5 Il Signore è la porzione della mia parte, e il mio calice; Tu, Signore, mantieni quello che mi è scaduto in sorte.

16:5 L’Eterno è la parte della mia eredità e il mio calice; tu mantieni quel che m’è toccato in sorte.

16:5 Il SIGNORE è la mia parte di eredità e il mio calice; tu sostieni quel che mi è toccato in sorte.

16:5 L'Eterno è la mia parte di eredità e il mio calice; tu, o Eterno, tieni al sicuro quel che mi è toccato in sorte.

16:6 La sorte mi è scaduta in luoghi dilettevoli; Una bella eredità mi è pur toccata.

16:6 La sorte è caduta per me in luoghi dilettevoli; una bella eredità mi è pur toccata!

16:6 La sorte mi ha assegnato luoghi deliziosi; una bella eredità mi è toccata!

16:6 Per me la sorte è caduta in luoghi dilettevoli; sì, una bella eredità mi è toccata.

16:7 Io benedirò il Signore, il qual mi consiglia; Eziandio le notti le mie reni mi ammaestrano.

16:7 Io benedirò l’Eterno che mi consiglia; anche la notte le mie reni mi ammaestrano.

16:7 Benedirò il SIGNORE che mi consiglia; anche il mio cuore mi istruisce di notte.

16:7 Io benedirò l'Eterno che mi consiglia; il mio cuore mi ammaestra anche di notte.

16:8 Io ho sempre posto il Signore davanti agli occhi miei; Perciocchè egli è alla mia destra, io non sarò giammai smosso.

16:8 Io ho sempre posto l’Eterno davanti agli occhi miei; poich’egli è alla mia destra, io non sarò punto smosso.

16:8 Io ho sempre posto il SIGNORE davanti agli occhi miei; poich'egli è alla mia destra, io non sarò affatto smosso.

16:8 Io ho continuamente posto l'Eterno davanti ai miei occhi; poiché egli è alla mia destra, io non sarò mai smosso.

16:9 Perciò il mio cuore si rallegra, e la mia lingua festeggia; Anzi pur la mia carne abiterà in sicurtà.

16:9 Perciò il mio cuore si rallegra e l’anima mia festeggia; anche la mia carne dimorerà al sicuro;

16:9 Perciò il mio cuore si rallegra, l'anima mia esulta; anche la mia carne dimorerà al sicuro;

16:9 Perciò il mio cuore si rallegra, e la mia anima esulta per la gloria della mia eredità; anche la mia carne dimorerà fiduciosa e al sicuro,

16:10 Perciocchè tu non lascerai l'anima mia nel sepolcro, E non permetterai che il tuo Santo senta la corruzione della fossa.

16:10 poiché tu non abbandonerai l’anima mia in poter della morte, né permetterai che il tuo santo vegga la fossa.

16:10 poiché tu non abbandonerai l'anima mia in potere della morte, né permetterai che il tuo santo subisca la decomposizione.

16:10 perché tu non lascerai l'anima mia nello Sceol e non permetterai che il tuo Santo veda la corruzione.

16:11 Tu mi mostrerai il sentier della vita; Sazietà d'ogni gioia è col tuo volto; Ogni diletto è nella tua destra in sempiterno.

16:11 Tu mi mostrerai il sentiero della vita; vi son gioie a sazietà nella tua presenza; vi son diletti alla tua destra in eterno.

16:11 Tu m'insegni la via della vita; vi son gioie a sazietà in tua presenza; alla tua destra vi son delizie in eterno.

16:11 Tu mi mostrerai il sentiero della vita; c'è abbondanza di gioia alla tua presenza; alla tua destra vi sono delizie in eterno.

 

 

 

 

Indice