Salmo 123

 

 

 

Diodati

Riveduta

Nuova Riveduta

Nuova Diodati

 

 

 

 

123:1 <<Cantico di Maalot.>> IO alzo gli occhi miei a te, Che abiti ne' cieli.

Canto dei pellegrinaggi.

123:1 A te io alzo gli occhi miei o tu che siedi nei cieli!

123:1 Canto dei pellegrinaggi. A te alzo gli occhi, a te che siedi nei cieli!

123:1 <<Canto dei pellegrinaggi.>> A te alzo i miei occhi, a te che siedi nei cieli.

123:2 Ecco, come i servi hanno gli occhi alla mano de' lor padroni; Come la serva ha gli occhi alla mano della sua padrona, Così noi abbiamo gli occhi nostri al Signore Iddio nostro, Infino a tanto ch'egli abbia pietà di noi.

123:2 Ecco, come gli occhi dei servi guardano la mano del loro padrone, come gli occhi della serva guardano la mano della sua padrona,

123:2 Ecco, come gli occhi dei servi guardano la mano del loro padrone, come gli occhi della serva guardano la mano della sua padrona, così gli occhi nostri sono rivolti al SIGNORE, al nostro Dio, finché egli abbia pietà di noi.

123:2 Ecco, come gli occhi dei servi sono rivolti alla mano dei loro padroni e gli occhi della serva alla mano della sua padrona, così i nostri occhi sono rivolti all'Eterno, DIO nostro, finché egli abbia pietà di noi.

123:3 così gli occhi nostri guardano all’Eterno, all’Iddio nostro, finché egli abbia pietà di noi.

123:3 Abbi pietà di noi, Signore, abbi pietà di noi; Perciocchè noi siamo molto sazii di disprezzo.

123:4 Abbi pietà di noi, o Eterno, abbi pietà di noi, perché siamo più che sazî di disprezzo.

123:3 Abbi pietà di noi, SIGNORE, abbi pietà di noi, perché siamo più che sazi di disprezzo.

123:3 Abbi pietà di noi o Eterno, abbi pietà di noi, perché siamo oltremodo sazi di disprezzo.

123:4 L'anima nostra è grandemente sazia Dello scherno degli uomini agiati, dello sprezzo degli altieri.

123:5 L’anima nostra è più che sazia dello scherno della gente agiata e del disprezzo dei superbi.

123:4 L'anima nostra è più che sazia dello scherno degli orgogliosi e del disprezzo dei superbi.

123:4 L'anima nostra è oltremodo sazia dello scherno degli arroganti e del disprezzo dei superbi.

 

 

 

 

Indice