Salmo 137

 

 

 

Diodati

Riveduta

Nuova Riveduta

Nuova Diodati

 

 

 

 

137:1 ESSENDO presso alle fiumane di Babilonia, Dove noi sedevamo, ed anche piangevamo, Ricordandoci di Sion,

137:1 Lą presso i fiumi di Babilonia, sedevamo ed anche piangevamo ricordandoci di Sion.

137:1 Lą, presso i fiumi di Babilonia, sedevamo e piangevamo ricordandoci di Sion.

137:1 Lą, presso i fiumi di Babilonia, sedevamo e piangevamo, ricordandoci di Sion;

137:2 Noi avevamo appese le nostre cetere A' salci, in mezzo di essa.

137:2 Ai salici delle sponde avevamo appese le nostre cetre.

137:2 Ai salici delle sponde avevamo appeso le nostre cetre.

137:2 sui salici di quella terra avevamo appese le nostre cetre.

137:3 Benchč quelli che ci avevano menati in cattivitą Ci richiedessero quivi che cantassimo; E quelli che ci facevano urlar piangendo Ci richiedessero canzoni d'allegrezza, dicendo: Cantateci delle canzoni di Sion;

137:3 Poiché lą quelli che ci avevan menati in cattivitą ci chiedevano dei canti, e quelli che ci predavano, delle canzoni d’allegrezza, dicendo: Cantateci delle canzoni di Sion!

137:3 Lą ci chiedevano delle canzoni quelli che ci avevano deportati, dei canti di gioia quelli che ci opprimevano, dicendo: «Cantateci canzoni di Sion!».

137:3 Lą, quelli che ci avevano condotti in cattivitą ci chiedevano le parole di un canto, sģ, quelli che ci opprimevano chiedevano canti di gioia, dicendo: «Cantateci un canto di Sion».

137:4 Come avremmo noi cantate le canzoni del Signore In paese di stranieri?

137:4 Come potremmo noi cantare le canzoni dell’Eterno in terra straniera?

137:4 Come potremmo cantare i canti del SIGNORE in terra straniera?

137:4 Come avremmo potuto cantare i canti dell'Eterno in un paese straniero?

137:5 Se io ti dimentico, o Gerusalemme; Se la mia destra ti dimentica;

137:5 Se io ti dimentico, o Gerusalemme, dimentichi la mia destra le sue funzioni,

137:5 Se ti dimentico, Gerusalemme, si paralizzi la mia destra;

137:5 Se mi dimentico di te, o Gerusalemme, dimentichi la mia destra ogni abilitą;

137:6 Resti attaccata la mia lingua al mio palato, Se io non mi ricordo di te; Se non metto Gerusalemme In capo d'ogni mia allegrezza.

137:6 resti la mia lingua attaccata al palato se io non mi ricordo di te, se non metto Gerusalemme al disopra d’ogni mia allegrezza.

137:6 resti la mia lingua attaccata al palato, se io non mi ricordo di te, se non metto Gerusalemme al di sopra di ogni mia gioia.

137:6 resti la mia lingua attaccata al palato, se non mi ricordo di te, se non metto Gerusalemme al di sopra della mia pił grande gioia.

137:7 Ricordati, Signore, de' figliuoli di Edom, I quali, nella giornata di Gerusalemme, Dicevano: Spianate, spianate, Fino a' fondamenti.

137:7 Ricordati, o Eterno, dei figliuoli di Edom, che nel giorno di Gerusalemme dicevano: Spianatela, spianatela, fin dalle fondamenta!

137:7 Ricordati, SIGNORE, dei figli di Edom, che nel giorno di Gerusalemme dicevano: «Spianatela, spianatela, fin dalle fondamenta!».

137:7 Ricordati, o Eterno, dei figli di Edom, che nel giorno di Gerusalemme dicevano: «Demolitela, demolitela fin dalle fondamenta».

137:8 O figliuola di Babilonia, che devi esser distrutta, Beato chi ti farą la retribuzione Del male che tu ci hai fatto!

137:8 O figliuola di Babilonia, che devi esser distrutta, beato chi ti darą la retribuzione del male che ci hai fatto!

137:8 Figlia di Babilonia, che devi essere distrutta, beato chi ti darą la retribuzione del male che ci hai fatto!

137:8 O figlia di Babilonia, che devi esser distrutta, beato chi ti darą la retribuzione del male che ci hai fatto!

137:9 Beato chi piglierą i tuoi piccoli figliuoli, E li sbatterą al sasso.

137:9 Beato chi piglierą i tuoi piccoli bambini e li sbatterą contro la roccia!

137:9 Beato chi afferrerą i tuoi bambini e li sbatterą contro la roccia!

137:9 Beato chi prende i tuoi bambini e li sbatte contro la roccia!

 

 

 

 

Indice