Amos capitolo 5

 

 

 

Diodati

Riveduta

Nuova Riveduta

Nuova Diodati

 

 

 

 

5:1 ASCOLTATE questa parola, il lamento che io prendo a far di voi, o casa d'Israele.

5:1 Ascoltate questa parola, questo lamento ch’io pronunzio su voi, o casa d’Israele!

5:1 Ascoltate questa parola, questo lamento che io pronunzio su di voi, o casa d'Israele!

5:1 Ascoltate questa parola, questo lamento che io elevo su di voi, o casa d'Israele.

5:2 La vergine d'Israele è caduta, ella non risorgerà più; è abbandonata sopra la sua terra, non vi è niuno che la rilevi.

5:2 La vergine d’Israele è caduta, e non risorgerà più; giace distesa sul suo suolo né v’è chi la rialzi.

5:2 «La vergine d'Israele è caduta e non risorgerà più; giace distesa al suolo e non c'è chi la rialzi».

5:2 La vergine d'Israele è caduta e non si alzerà più; essa giace abbandonata sul suo suolo e nessuno la rialza.

5:3 Perciocchè, così ha detto il Signore Iddio: Nella città onde ne uscivano mille, ne resteranno sol cento; e in quella onde ne uscivano cento, ne resteranno sol dieci, alla casa d'Israele.

5:3 Poiché così parla il Signore, l’Eterno: Alla città che metteva in campagna mille uomini, non ne resteranno che cento; alla città che ne metteva in campagna cento, non ne resteranno che dieci per la casa d’Israele.

5:3 Perché così dice il Signore, DIO: «Alla città che metteva in campo mille uomini, non ne resteranno che cento; alla città che ne metteva in campo cento, non ne resteranno che dieci per la casa d'Israele».

5:3 Poiché così dice il Signore, l'Eterno: «La città che usciva con mille uomini resterà con cento, quella invece che usciva con cento resterà con dieci per la casa d'Israele».

5:4 Perciocchè, così ha detto il Signore alla casa d'Israele: Cercatemi, e voi viverete.

5:4 Poiché così parla l’Eterno alla casa d’Israele: Cercatemi e vivrete!

5:4 Perché così dice il SIGNORE alla casa d'Israele: «Cercatemi e vivrete.

5:4 Poiché così dice l'Eterno alla casa d'Israele: «Cercate me e vivrete,

5:5 E non cercate Betel, e non entrate in Ghilgal e non passate in Beerseba; perciocchè Ghilgal del tutto sarà menato in cattività, e Betel sarà ridotto al niente.

5:5 Non cercate Bethel, non andate a Ghilgal, non vi recate fino a Beer-Sceba; perché Ghilgal andrà di sicuro in cattività, e Bethel sarà ridotto a niente.

5:5 Non cercate Betel, non andate a Ghilgal, non giungete sino a Beer-Sceba; perché Ghilgal andrà certamente in esilio, e Betel sarà ridotto a nulla».

5:5 ma non cercate Bethel, non andate a Ghilgal, non proseguite fino a Beer-Sceba, perché Ghilgal andrà certamente in cattività e Bethel sarà ridotta al nulla.

5:6 Cercate il Signore, e voi viverete; che talora egli non si avventi sopra la casa di Giuseppe, a guisa di fuoco, e non la consumi, senza che Betel abbia chi spenga il fuoco,

5:6 Cercate l’Eterno e vivrete, - per tema ch’egli non s’avventi come un fuoco sulla casa di Giuseppe, e la divori senza che in Bethel ci sia chi spenga -

5:6 Cercate il SIGNORE e vivrete, affinché egli non si avventi come un fuoco sulla casa di Giuseppe e la consumi senza che a Betel ci sia chi la spenga.

5:6 Cercate l'Eterno e vivrete, perché non irrompa come fuoco nella casa di Giuseppe e la divori, senza che in Bethel nessuno lo spenga.

5:7 o voi, che mutate il giudicio in assenzio, e lasciate in terra la giustizia!

5:7 o voi che mutate il diritto in assenzio, e gettate a terra la giustizia.

5:7 Voi alterate il diritto in assenzio, e gettate a terra la giustizia!

5:7 Egli abbandona quelli che mutano la rettitudine e la giustizia in assenzio sulla terra».

5:8 Cercate colui che ha fatte le Gallinelle e l'Orione, e che muta l'ombra della morte in mattutino, e fa scurare il giorno come la notte; che chiama le acque del mare, e le spande sopra la faccia della terra; il cui Nome è: Il Signore:

5:8 Egli ha fatto le Pleiadi e Orione, muta l’ombra di morte in aurora, e fa del giorno una notte oscura; chiama le acque del mare, e le riversa sulla faccia della terra: il suo nome è l’Eterno.

5:8 Egli ha fatto le Pleiadi e Orione, cambia in aurora l'ombra di morte, e il giorno in notte oscura; chiama le acque del mare e le riversa sulla faccia della terra: il suo nome è il SIGNORE.

5:8 Egli ha fatto le Pleiadi e Orione, muta l'ombra di morte in aurora e rende il giorno oscuro come la notte; chiama le acque del mare e le riversa sulla faccia della terra: il suo nome è l'Eterno.

5:9 che fa sorger subita ruina sopra il forte, talchè la distruzione occupa la fortezza.

5:9 Egli fa sorger d’improvviso la ruina sui potenti, sì che la ruina piomba sulle fortezze.

5:9 Egli fa sorgere improvvisa la rovina sui potenti, e la rovina piomba sulle fortezze.

5:9 Fa venire repentinamente la rovina sui potenti, e così la distruzione piomba sulle fortezze.

5:10 Essi odiano nella porta chi li riprende, ed abbominano chi parla con integrità.

5:10 Essi odiano colui che li riprende alla porta, e hanno in orrore chi parla con integrità.

5:10 Essi odiano chi li ammonisce e detestano chi parla con rettitudine.

5:10 Essi odiano chi li riprende alla porta e hanno in orrore chi parla con integrità.

5:11 Laonde, perciocchè voi aggravate il povero, e prendete da lui la soma del frumento: voi avete edificate delle case di pietre pulite, ma non abiterete in esse; voi avete piantate delle vigne belle, ma non ne berrete il vino.

5:11 Perciò, visto che calpestate il povero ed esigete da lui donativi di frumento, voi fabbricate case di pietre da taglio, ma non le abiterete; piantate vigne deliziose ma non ne berrete il vino.

5:11 Perciò, visto che calpestate il povero ed esigete da lui tributi di frumento, voi fabbricate case di pietre squadrate, ma non le abiterete; piantate vigne deliziose, ma non ne berrete il vino.

5:11 Quindi, poiché calpestate il povero ed esigete da lui tributi di frumento, anche se avete costruito case con pietre squadrate, non le abiterete; avete piantato vigne deliziose, ma non ne berrete il vino.

5:12 Perciocchè io conosco i vostri misfatti, che son molti, e i vostri peccati, che son gravi; oppressatori del giusto, prenditori di taglia, e sovvertitori della ragione de' poveri nella porta.

5:12 Poiché io conosco come son numerose le vostre trasgressioni, come son gravi i vostri peccati; voi sopprimete il giusto, accettate regali, e fate torto ai poveri alla porta.

5:12 Poiché io so quanto sono numerose le vostre trasgressioni, come sono gravi i vostri peccati; voi opprimete il giusto, accettate regali e danneggiate i poveri in tribunale.

5:12 Io infatti conosco quanto siano numerose le vostre trasgressioni e quanto gravi i vostri peccati; voi opprimete il giusto, accettate regali e fate torto ai poveri alla porta.

5:13 Perciò, l'uomo prudente in quel tempo tacerà; perciocchè sarà un cattivo tempo.

5:13 Ecco perché, in tempi come questi, il savio si tace; perché i tempi sono malvagi.

5:13 Ecco perché, in tempi come questi, il saggio tace; perché i tempi sono malvagi.

5:13 Perciò l'uomo prudente in questo tempo tacerà, perché il tempo è malvagio.

5:14 Cercate il bene, e non il male, acciocchè viviate; e il Signore Iddio degli eserciti sarà con voi, come avete detto.

5:14 Cercate il bene e non il male, onde viviate, e l’Eterno, l’Iddio degli eserciti, sia con voi, come dite.

5:14 Cercate il bene e non il male, affinché viviate, e il SIGNORE, Dio degli eserciti, sia con voi, come dite.

5:14 Cercate il bene e non il male, affinché viviate, e così l'Eterno, il DIO degli eserciti, sia con voi, come dite.

5:15 Odiate il male, ed amate il bene, e stabilite il giudicio nella porta; forse avrà il Signore Iddio d'Israele pietà del rimanente di Giuseppe.

5:15 Odiate il male, amate il bene, e, alle porte, stabilite saldamente il diritto. Forse, l’Eterno, l’Iddio degli eserciti, avrà pietà del rimanente di Giuseppe.

5:15 Odiate il male, amate il bene e, nei tribunali, stabilite saldamente il diritto. Forse il SIGNORE, Dio degli eserciti, avrà pietà del resto di Giuseppe.

5:15 Odiate il male, amate il bene e stabilite saldamente il diritto alla porta. Forse l'Eterno, il Dio degli eserciti, userà misericordia col residuo di Giuseppe.

5:16 Perciò, così ha detto il Signore Iddio degli eserciti, il Signore: Vi sarà pianto in tutte le piazze; e si dirà in tutte le strade: Ahi lasso! Ahi lasso! e si chiameranno i lavoratori al duolo, ed al lamento quelli che sono intendenti in lamenti lugubri.

5:16 Perciò, così dice l’Eterno, l’Iddio degli eserciti, il Signore: In tutte le piazze si farà lamento, e in tutte le strade si dirà: ‘Ahimè! ahimè!’ Si chiameranno gli agricoltori perché prendano il lutto, e si ordineranno lamentazioni a quelli che le sanno fare.

5:16 Perciò, così dice il SIGNORE, Dio degli eserciti, il Signore: «In tutte le piazze si farà lamento e in tutte le strade si dirà: "Ahimé! ahimé!". Si inviteranno i contadini a fare cordoglio, e al lamento quelli che conoscono le nenie del lutto.

5:16 Perciò così dice l'Eterno, il DIO degli eserciti, il Signore: «In tutte le piazze ci sarà lamento e in tutte le strade si dirà: “Ahimè, ahimè!”. Allora chiameranno l'agricoltore al lutto e quelli abili a piangere a fare lamenti.

5:17 In tutte le vigne ancora vi sarà pianto; perciocchè io passerò nel mezzo di te, ha detto il Signore.

5:17 In tutte le vigne si farà lamento, perché io passerò in mezzo a te, dice l’Eterno.

5:17 In tutte le vigne si alzeranno lamenti, perché io passerò in mezzo a te», dice il SIGNORE.

5:17 In tutte le vigne ci sarà lamento, perché io passerò in mezzo a te», dice l'Eterno.

5:18 Guai a voi, che desiderate il giorno del Signore! perchè desiderate così il giorno del Signore? esso sarà giorno di tenebre, e non di luce.

5:18 Guai a voi che desiderate il giorno dell’Eterno! Che v’aspettate voi dal giorno dell’Eterno? Sarà un giorno di tenebre, non di luce.

5:18 Guai a voi che desiderate il giorno del SIGNORE! Che vi aspettate dal giorno del SIGNORE? Sarà un giorno di tenebre, non di luce.

5:18 Guai a voi che desiderate il giorno dell'Eterno! Che sarà mai per voi il giorno dell'Eterno? Sarà un giorno di tenebre e non di luce.

5:19 Come se un uomo fuggisse d'innanzi ad un leone, ed un orso lo scontrasse; ovvero entrasse in casa, ed appoggiasse la mano alla parete, ed una serpe lo mordesse.

5:19 Sarà di voi come d’uno che fugge davanti a un leone, e lo incontra un orso; come d’uno ch’entra in casa, appoggia la mano alla parete, e un serpente lo morde.

5:19 Voi sarete come uno che fugge davanti a un leone e s'imbatte in un orso; come uno che entra in casa, appoggia la mano alla parete, e lo morde un serpente.

5:19 Sarà come quando uno fugge davanti a un leone e s'imbatte in un orso; o entra in casa, appoggia la mano alla parete e un serpente lo morde.

5:20 Il giorno del Signore non sarà egli tenebre, e non luce? e caligine, senza alcuno splendore?

5:20 Il giorno dell’Eterno non è esso forse tenebre, e non luce? oscurissimo e senza splendore?

5:20 Il giorno del SIGNORE non è forse tenebre e non luce? oscurissimo e senza splendore?

5:20 Il giorno dell'Eterno non è forse tenebre e non luce, molto tenebroso e senza alcun splendore?

5:21 Io odio, io sdegno le vostre feste; e non odorerò più le vostre solenni raunanze.

5:21 Io odio, disprezzo le vostre feste, non prendo piacere nelle vostre solenni raunanze.

5:21 «Io odio, disprezzo le vostre feste, non prendo piacere nelle vostre assemblee solenni.

5:21 «Io odio, disprezzo le vostre feste, non provo piacere nelle vostre solenni assemblee.

5:22 Che se mi offerite olocausti, e le vostre offerte, io non le gradirò; e non riguarderò a' sacrificii da render grazie, fatti delle vostre bestie grasse.

5:22 Se m’offrite i vostri olocausti e le vostre oblazioni, io non li gradisco; e non fo conto delle bestie grasse, che m’offrite in sacrifizi di azioni di grazie.

5:22 Se mi offrite i vostri olocausti e le vostre offerte, io non le gradisco; e non tengo conto delle bestie grasse che mi offrite in sacrifici di riconoscenza.

5:22 Anche se mi offrite i vostri olocausti e le vostre oblazioni di cibo, io non le gradirò, né riguarderò con favore ai sacrifici di ringraziamento di bestie grasse.

5:23 Toglimi d'appresso lo strepito delle tue canzoni, e fa' ch'io non oda il concento de' tuoi salterii.

5:23 Lungi da me il rumore de’ tuoi canti! ch’io non oda più la musica de’ tuoi saltèri!

5:23 Allontana da me il rumore dei tuoi canti! Non voglio più sentire il suono delle tue cetre!

5:23 Allontana da me il rumore dei tuoi canti, perché non voglio udire la musica delle tue arpe.

5:24 Anzi corra il giudicio, a guisa d'acque; e la giustizia, a guisa di rapido torrente.

5:24 Ma corra il diritto com’acqua, e la giustizia, come un rivo perenne!

5:24 Scorra piuttosto il diritto come acqua e la giustizia come un torrente perenne!

5:24 Ma scorra il diritto come acqua e la giustizia come un corso d'acqua perenne.

5:25 O casa d'Israele, mi offeriste voi sacrificii ed offerte nel deserto, per lo spazio di quarant'anni?

5:25 O casa d’Israele, mi presentaste voi sacrifizi e oblazioni nel deserto, durante i quarant’anni?

5:25 O casa d'Israele, mi avete forse presentato sacrifici e offerte nel deserto, durante i quarant'anni?

5:25 O casa d'Israele, mi avete offerto sacrifici e oblazioni di cibo nel deserto per quarant'anni?

5:26 Anzi voi portaste il tabernacolo del vostro Melec, e l'effigie delle vostre immagini; la stella dei vostri dii, che voi vi avevate fatti.

5:26 Orbene voi vi toglierete in ispalla il baldacchino del vostro re, e il piedistallo delle vostre immagini, la stella dei vostri dèi, che voi vi siete fatti;

5:26 Ora prenderete sulle spalle il baldacchino del vostro re e il piedistallo delle vostre immagini, la stella dei vostri dèi, che vi siete fatti;

5:26 Voi avete pure trasportato Sikkuth vostro re e Kiun, le vostre immagini, la stella dei vostri dèi, che vi siete fatti.

5:27 Perciò, io vi farò andare in cattività di là da Damasco, ha detto il Signore, il cui Nome è: L'Iddio degli eserciti.

5:27 e io vi farò andare in cattività al di là di Damasco, dice l’Eterno, che ha nome l’Iddio degli eserciti.

5:27 e io vi farò andare in esilio oltre Damasco», dice il SIGNORE, il cui nome è Dio degli eserciti.

5:27 Perciò io vi farò andare in cattività al di là di Damasco», dice l'Eterno, il cui nome è DIO degli eserciti.

 

 

 

 

Indice