Giovanni capitolo 13

 

 

 

Diodati

Riveduta

Nuova Riveduta

Nuova Diodati

 

 

 

 

13:1 OR avanti la festa di Pasqua, Gesù, sapendo che la sua ora era venuta, da passar di questo mondo al Padre; avendo amati i suoi che erano nel mondo, li amò infino alla fine.

13:1 Or avanti la festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta per lui l’ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine.

13:1 Or prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta per lui l'ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine.

13:1 Or prima della festa di Pasqua, sapendo Gesù che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine.

13:2 E finita la cena (avendo già il diavolo messo nel cuor di Giuda Iscariot, figliuol di Simone, di tradirlo),

13:2 E durante la cena, quando il diavolo avea già messo in cuore a Giuda Iscariot, figliuol di Simone, di tradirlo,

13:2 Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo,

13:2 E, finita la cena, avendo già il diavolo messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo,

13:3 Gesù, sapendo che il Padre gli avea dato ogni cosa in mano, e ch'egli era proceduto da Dio, e se ne andava a Dio;

13:3 Gesù, sapendo che il Padre gli avea dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio se ne tornava,

13:3 Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio se ne tornava,

13:3 Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani, e che egli era proceduto da Dio e a Dio ritornava,

13:4 si levò dalla cena, e pose giù la sua vesta; e preso uno sciugatoio, se ne cinse.

13:4 si levò da tavola, depose le sue vesti, e preso un asciugatoio, se ne cinse.

13:4 si alzò da tavola, depose le sue vesti e, preso un asciugatoio, se lo cinse.

13:4 si alzò dalla cena e depose le sue vesti; poi, preso un asciugatoio, se lo cinse.

13:5 Poi mise dell'acqua in un bacino, e prese a lavare i piedi de' discepoli, e ad asciugarli con lo sciugatoio, del quale egli era cinto.

13:5 Poi mise dell’acqua nel bacino, e cominciò a lavare i piedi a’ discepoli, e ad asciugarli con l’asciugatoio del quale era cinto.

13:5 Poi mise dell'acqua in una bacinella, e cominciò a lavare i piedi ai discepoli, e ad asciugarli con l'asciugatoio del quale era cinto.

13:5 Dopo aver messo dell'acqua in una bacinella, cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugatoio di cui era cinto.

13:6 Venne adunque a Simon Pietro. Ed egli disse: Signore, mi lavi tu i piedi?

13:6 Venne dunque a Simon Pietro, il quale gli disse: Tu, Signore, lavare i piedi a me?

13:6 Si avvicinò dunque a Simon Pietro, il quale gli disse: «Tu, Signore, lavare i piedi a me?».

13:6 Venne dunque a Simon Pietro. Ed egli gli disse: «Signore tu lavi i piedi a me?».

13:7 Gesù rispose, e gli disse: Tu non sai ora quel ch'io fo, ma lo saprai appresso.

13:7 Gesù gli rispose: Tu non sai ora quello che io fo, ma lo capirai dopo.

13:7 Gesù gli rispose: «Tu non sai ora quello che io faccio, ma lo capirai dopo».

13:7 Gesù rispose e gli disse: «Quello che io faccio, ora non lo comprendi, ma lo comprenderai dopo».

13:8 Pietro gli disse: Tu non mi laverai giammai i piedi. Gesù gli disse: Se io non ti lavo, tu non avrai parte alcuna meco.

13:8 Pietro gli disse: Tu non mi laverai mai i piedi! Gesù gli rispose: Se non ti lavo, non hai meco parte alcuna.

13:8 Pietro gli disse: «Non mi laverai mai i piedi!». Gesù gli rispose: «Se non ti lavo, non hai parte alcuna con me».

13:8 Pietro gli disse: «Tu non mi laverai mai i piedi». Gesù gli rispose: «Se non ti lavo, non avrai nessuna parte con me».

13:9 Simon Pietro gli disse: Signore, non solo i piedi, ma anche le mani, e il capo.

13:9 E Simon Pietro: Signore, non soltanto i piedi, ma anche le mani e il capo!

13:9 E Simon Pietro: «Signore, non soltanto i piedi, ma anche le mani e il capo!».

13:9 Simon Pietro gli disse: «Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e il capo».

13:10 Gesù gli disse: Chi è lavato non ha bisogno se non di lavare i piedi, ma è tutto netto; voi ancora siete netti, ma non tutti.

13:10 Gesù gli disse: Chi è lavato tutto non ha bisogno che d’aver lavati i piedi; è netto tutto quanto; e voi siete netti, ma non tutti.

13:10 Gesù gli disse: «Chi è lavato tutto, non ha bisogno che di aver lavati i piedi; è purificato tutto quanto; e voi siete purificati, ma non tutti».

13:10 Gesù gli disse: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno che di lavarsi i piedi ed è tutto mondo; anche voi siete mondi, ma non tutti».

13:11 Perciocchè egli conosceva colui che lo tradiva; perciò disse: Non tutti siete netti.

13:11 Perché sapeva chi era colui che lo tradirebbe; per questo disse: Non tutti siete netti.

13:11 Perché sapeva chi era colui che lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete netti».

13:11 Egli infatti sapeva chi lo avrebbe tradito; perciò disse: «Non tutti siete mondi».

13:12 Dunque, dopo ch'egli ebbe loro lavati i piedi, ed ebbe ripresa la sua vesta, messosi di nuovo a tavola, disse loro: Sapete voi quel ch'io vi ho fatto?

13:12 Come dunque ebbe loro lavato i piedi ed ebbe ripreso le sue vesti, si mise di nuovo a tavola, e disse loro: Capite quel che v’ho fatto?

13:12 Quando dunque ebbe loro lavato i piedi ed ebbe ripreso le sue vesti, si mise di nuovo a tavola, e disse loro: «Capite quello che vi ho fatto?

13:12 Così, dopo aver lavato i piedi, riprese le sue vesti, si mise di nuovo a tavola e disse loro: «Comprendete quello che vi ho fatto?

13:13 Voi mi chiamate Maestro, e Signore, e dite bene, perciocchè io lo sono.

13:13 Voi mi chiamate Maestro e Signore; e dite bene, perché lo sono.

13:13 Voi mi chiamate Maestro e Signore; e dite bene, perché lo sono.

13:13 Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono.

13:14 Se dunque io, che sono il Signore, e il Maestro, v'ho lavati i piedi, voi ancora dovete lavare i piedi gli uni agli altri.

13:14 Se dunque io, che sono il Signore e il Maestro, v’ho lavato i piedi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri.

13:14 Se dunque io, che sono il Signore e il Maestro, vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri.

13:14 Se dunque io, il Signore e il Maestro, vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri.

13:15 Perchè io vi ho dato esempio, acciocchè, come ho fatto io, facciate ancor voi.

13:15 Poiché io v’ho dato un esempio, affinché anche voi facciate come v’ho fatto io.

13:15 Infatti vi ho dato un esempio, affinché anche voi facciate come vi ho fatto io.

13:15 Io infatti vi ho dato l'esempio, affinché come ho fatto io facciate anche voi.

13:16 In verità, in verità, io vi dico, che il servitore non è maggior del suo signore, nè il messo maggior di colui che l'ha mandato.

13:16 In verità, in verità vi dico che il servitore non è maggiore del suo signore, né il messo è maggiore di colui che l’ha mandato.

13:16 In verità, in verità vi dico che il servo non è maggiore del suo signore, né il messaggero è maggiore di colui che lo ha mandato.

13:16 In verità, in verità vi dico: Il servo non è più grande del suo padrone, né il messaggero più grande di colui che l'ha mandato.

13:17 Se sapete queste cose, voi siete beati se le fate.

13:17 Se sapete queste cose, siete beati se le fate.

13:17 Se sapete queste cose, siete beati se le fate.

13:17 Se sapete queste cose, siete beati se le fate.

13:18 Io non dico di voi tutti; io so quelli che io ho eletti; ma conviene che s'adempia questa scrittura: Colui che mangia il pane meco ha levato contro a me il suo calcagno.

13:18 Io non parlo di voi tutti; io so quelli che ho scelti; ma, perché sia adempita la Scrittura, colui che mangia il mio pane, ha levato contro di me il suo calcagno.

13:18 «Non parlo di voi tutti; io conosco quelli che ho scelti; ma, perché sia adempiuta la Scrittura, Colui che mangia il mio pane,ha levato contro di me il suo calcagno.

13:18 Non parlo di voi tutti; io conosco quelli che ho scelto, ma bisogna che si adempia questa Scrittura: "Colui che mangia il pane con me, mi ha levato contro il suo calcagno".

13:19 Fin da ora io vel dico, avanti che sia avvenuto; acciocchè, quando sarà avvenuto, crediate ch'io son desso.

13:19 Fin da ora ve lo dico, prima che accada; affinché, quando sia accaduto, voi crediate che sono io (il Cristo).

13:19 Ve lo dico fin d'ora, prima che accada; affinché quando sarà accaduto, voi crediate che io sono.

13:19 Ve lo dico fin d'ora prima che avvenga, affinché quando sarà avvenuto, crediate che io sono il Cristo.

13:20 In verità, in verità, io vi dico, che, se io mando alcuno, chi lo riceve riceve me, e chi riceve me riceve colui che mi ha mandato.

13:20 In verità, in verità vi dico: Chi riceve colui che io avrò mandato, riceve me; e chi riceve me, riceve Colui che mi ha mandato.

13:20 In verità, in verità vi dico: chi riceve colui che io avrò mandato, riceve me; e chi riceve me, riceve colui che mi ha mandato».

13:20 In verità, in verità vi dico: Chi riceve colui che manderò, riceve me; e chi riceve me, riceve colui che mi ha mandato».

13:21 DOPO che Gesù ebbe dette queste cose, fu turbato nello spirito; e protestò, e disse: In verità, in verità, io vi dico, che l'un di voi mi tradirà.

13:21 Dette queste cose, Gesù fu turbato nello spirito, e così apertamente si espresse: In verità, in verità vi dico che uno di voi mi tradirà.

13:21 Dette queste cose, Gesù fu turbato nello spirito e, apertamente, così dichiarò: «In verità, in verità vi dico che uno di voi mi tradirà».

13:21 Dette queste cose, Gesù fu turbato nello spirito, e testimoniò e disse: «In verità, in verità vi dico che uno di voi mi tradirà».

13:22 Laonde i discepoli si riguardavano gli uni gli altri, stando in dubbio di chi dicesse.

13:22 I discepoli si guardavano l’un l’altro, stando in dubbio di chi parlasse.

13:22 I discepoli si guardavano l'un l'altro, non sapendo di chi parlasse.

13:22 I discepoli allora si guardarono l'un l'altro, non riuscendo a capire di chi parlasse.

13:23 Or uno de' discepoli, il quale Gesù amava, era coricato in sul seno d'esso.

13:23 Or, a tavola, inclinato sul seno di Gesù, stava uno de’ discepoli, quello che Gesù amava.

13:23 Ora, a tavola, inclinato sul petto di Gesù, stava uno dei discepoli, quello che Gesù amava.

13:23 Or uno dei discepoli, quello che Gesù amava, era appoggiato sul petto di Gesù.

13:24 Simon Pietro adunque gli fece cenno, che domandasse chi fosse colui, del quale egli parlava.

13:24 Simon Pietro quindi gli fe’ cenno e gli disse: Di’, chi è quello del quale parla?

13:24 Simon Pietro gli fece cenno di domandare chi fosse colui del quale parlava.

13:24 Allora Simon Pietro gli fece cenno di domandare chi fosse colui del quale egli parlava.

13:25 E quel discepolo, inchinatosi sopra il petto di Gesù, gli disse: Signore, chi è colui? Gesù rispose:

13:25 Ed egli, chinatosi così sul petto di Gesù, gli domandò: Signore, chi è? Gesù rispose:

13:25 Egli, chinatosi sul petto di Gesù, gli domandò: «Signore, chi è?».

13:25 E quel discepolo, chinatosi sul petto di Gesù, gli chiese: «Signore, chi è?».

13:26 Egli è colui, al quale io darò il boccone, dopo averlo intinto. Ed avendo intinto il boccone, lo diede a Giuda Iscariot, figliuol di Simone.

13:26 È quello al quale darò il boccone dopo averlo intinto. E intinto un boccone, lo prese e lo diede a Giuda figlio di Simone Iscariota.

13:26 Gesù rispose: «È quello al quale darò il boccone dopo averlo intinto». E intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariota.

13:26 Gesù rispose: «È colui al quale io darò il boccone, dopo averlo intinto». E intinto il boccone, lo diede a Giuda Iscariota, figlio di Simone.

13:27 Ed allora, dopo quel boccone, Satana entrò in lui. Laonde Gesù gli disse: Fa' prestamente quel che tu fai.

13:27 E allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Per cui Gesù gli disse: Quel che fai, fallo presto.

13:27 Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Per cui Gesù gli disse: «Quel che fai, fallo presto».

13:27 Or dopo quel boccone, Satana entrò in lui. Allora Gesù gli disse: «Quel che fai, fallo presto!».

13:28 Ma niun di coloro ch'erano a tavola intese perchè gli avea detto quello.

13:28 Ma nessuno de’ commensali intese perché gli avesse detto così.

13:28 Ma nessuno dei commensali comprese perché gli avesse detto così.

13:28 Ma nessuno di quelli che erano a tavola comprese perché gli avesse detto ciò.

13:29 Perciocchè alcuni stimavano, perchè Giuda avea la borsa, che Gesù gli avesse detto: Comperaci le cose che ci bisognano per la festa; ovvero, che desse qualche cosa ai poveri.

13:29 Difatti alcuni pensavano, siccome Giuda tenea la borsa, che Gesù gli avesse detto: Compra quel che ci abbisogna per la festa; ovvero che desse qualcosa ai poveri.

13:29 Difatti alcuni pensavano che, siccome Giuda teneva la borsa, Gesù gli avesse detto: «Compra quel che ci occorre per la festa»; ovvero che desse qualcosa ai poveri.

13:29 Alcuni infatti pensavano, poiché Giuda teneva la borsa, che Gesù gli avesse detto: «Compra le cose che ci occorrono per la festa»; oppure che desse qualcosa ai poveri.

13:30 Egli adunque, preso il boccone, subito se ne uscì. Or era notte.

13:30 Egli dunque, preso il boccone, uscì subito; ed era notte.

13:30 Egli dunque, preso il boccone, uscì subito; ed era notte.

13:30 Egli dunque, preso il boccone, uscì subito. Era notte.

13:31 QUANDO fu uscito, Gesù disse: Ora è glorificato il Figliuol dell'uomo, e Dio è glorificato in lui.

13:31 Quand’egli fu uscito, Gesù disse: Ora il Figliuol dell’uomo è glorificato, e Dio è glorificato in lui.

13:31 Quando egli fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell'uomo è glorificato e Dio è glorificato in lui.

13:31 Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell'uomo è glorificato, e Dio è glorificato in lui.

13:32 E se Dio è glorificato in lui, egli altresì lo glorificherà in sè medesimo, e tosto lo glorificherà.

13:32 Se Dio è glorificato in lui, Dio lo glorificherà anche in se stesso, e presto lo glorificherà.

13:32 Se Dio è glorificato in lui, Dio lo glorificherà anche in se stesso e lo glorificherà presto.

13:32 Se Dio è glorificato in lui, Dio lo glorificherà pure in se stesso e lo glorificherà subito.

13:33 Figliuoletti, io sono ancora un poco di tempo con voi; voi mi cercherete, ma come ho detto a' Giudei, che là ove io vo essi non posson venire, così altresì dico a voi al presente.

13:33 Figliuoletti, è per poco che sono ancora con voi. Voi mi cercherete; e, come ho detto ai Giudei: ‘Dove vo io, voi non potete venire’, così lo dico ora a voi.

13:33 Figlioli, è per poco che sono ancora con voi. Voi mi cercherete; e, come ho detto ai Giudei: "Dove vado io, voi non potete venire", così lo dico ora a voi.

13:33 Figlioli, per poco tempo sono ancora con voi; voi mi cercherete, ma come ho detto ai Giudei: "Dove io vado voi non potete venire". Così adesso lo dico anche a voi.

13:34 Io vi do un nuovo comandamento: che voi vi amiate gli uni gli altri; acciocchè, come io vi ho amati, voi ancora vi amiate gli uni gli altri.

13:34 Io vi do un nuovo comandamento: che vi amiate gli uni gli altri. Com’io v’ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri.

13:34 Io vi do un nuovo comandamento: che vi amiate gli uni gli altri. Come io vi ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri.

13:34 Vi do un nuovo comandamento: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, anche voi amatevi gli uni gli altri.

13:35 Da questo conosceranno tutti che voi siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri.

13:35 Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri.

13:35 Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri».

13:35 Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri».

13:36 Simon Pietro gli disse: Signore, dove vai? Gesù gli rispose: Là ove io vo, tu non puoi ora seguitarmi; ma mi seguiterai poi appresso.

13:36 Simon Pietro gli domandò: Signore, dove vai? Gesù rispose: Dove io vado, non puoi per ora seguirmi; ma mi seguirai più tardi.

13:36 Simon Pietro gli domandò: «Signore, dove vai?». Gesù rispose: «Dove vado io, non puoi seguirmi per ora; ma mi seguirai più tardi».

13:36 Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gesù gli rispose: «Là dove io vado, tu non puoi seguirmi ora; ma mi seguirai più tardi».

13:37 Pietro gli disse: Signore, perchè non posso io ora seguitarti? io metterò la vita mia per te.

13:37 Pietro gli disse: Signore, perché non posso seguirti ora? Metterò la mia vita per te!

13:37 Pietro gli disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!».

13:37 Pietro gli disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te».

13:38 Gesù gli rispose: Tu metterai la vita tua per me? in verità, in verità, io ti dico che il gallo non canterà, che tu non mi abbi rinnegato tre volte.

13:38 Gesù gli rispose: Metterai la tua vita per me? In verità, in verità ti dico che il gallo non canterà che già tu non m’abbia rinnegato tre volte.

13:38 Gesù gli rispose: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità ti dico che il gallo non canterà che già tu non mi abbia rinnegato tre volte.

13:38 Gesù gli rispose: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità ti dico: il gallo non canterà, prima che tu non mi abbia rinnegato tre volte».

 

 

 

 

Indice